Illuminazione zona giorno: applique da parete o lampade a sospensione?

5.00 avg. rating (94% score) - 1 vote

lampada o appliqueQuando si decide di sistemare la zona giorno di un appartamento o di una qualsiasi abitazione, è fondamentale pensare all’illuminazione; sia che l’ambiente sia molto luminoso, sia che al suo interno entri poca luce naturale, occorre studiare delle soluzioni che lo rendano bene illuminato anche a tarda ora, perché è la zona della casa dove si passa generalmente più tempo.

Nelle abitazioni moderne, zona living e zona pranzo quasi si sovrappongono, ed è naturale che le due debbano essere molto luminose, non solo perché se si riceve qualcuno, è piacevole che ci sia luce, ma anche perché quando si cena può dare fastidio non vedere bene le pietanze sul tavolo.

Alla domanda se  nella zona living sia meglio utilizzare applique da parete o lampade a sospensione, si risponde in maniera soggettiva dopo aver fatto una serie di considerazioni.

Le applique permettono di avere il soffitto libero da lampadari, e danno la possibilità di illuminare in modo suggestivo un intero ambiente, anche di grandi dimensioni; ci sono applique che, oltre ad essere dei veri e propri oggetti di design (si pensi a Pixel di Kundalini, oppure la lampada da parete modulare Fields disegnata da Vicente Garcia Imenez per Foscarini, solo per citarne qualcuna), illuminano completamente l’ambiente circostante, tanto che si può anche decidere di fare a meno di lampade a sospensione.

applique Foscarini e Kundalini

A sinistra, lampada da parete “Fields” modulare disegnata da Vicente Garcia Imenez per Foscarini. A destra, applique ‘Pixel’ di Kundalini.

La zona pranzo deve essere illuminata preferibilmente dall’alto, in primo luogo perché chi è seduto al tavolo crea ombra sul tavolo, quindi le applique non farebbero abbastanza luce, in secondo luogo perché l’illuminazione zenitale garantisce l’uniformità dell’illuminazione in quel particolare punto.

Non è detto che non ci siano soluzioni di design alternative al classico lampadario da cucina; ci sono le lampade modulari Bocci che possono essere aggregate a seconda dei propri gusti, ottenendo di volta in volta soluzioni sempre diverse ed effetti molto particolari, oppure se si preferisce qualcosa di più lineare, la lampada Bristol Nemo-Cassina, con struttura in metallo verniciato grigio e vetro soffiato bianco opale di grandi dimensioni, che offre una luce diffusa e chiara, senza particolari effetti illuminotecnici.

Se l’ambiente lo consente, perché sufficientemente grande, potrete sempre optare per una soluzione ‘ibrida’, con applique nella zona dove si trovano il divano e il televisore, e lampada a sospensione nella zona pranzo.

Bristol di Nemo by Cassina

Lampada Bristol di Nemo, divisione luci by Cassina.

Questo contenuto ti è stato utile o ti è piaciuto?

Condividilo... a Te non costa nulla, per Noi è importante!


lascia un Commento...

*